Piattaforme per trading, 4 domande da farsi per scegliere la migliore

La scelta della piattaforma di trading – il software utilizzato per poter aprire, gestire e chiudere le posizioni di investimento – è un’operazione da compiersi con la massima oculatezza, visto e considerato che dalla bontà della piattaforma potrebbe dipendere la possibilità di agire con un trading più o meno intuitivo, divertente, personalizzabile e professionale.

Consapevoli che non è affatto semplice poter individuare la migliore piattaforma di trading che possa fare al caso vostro, prendendo spunto da quanto riportato dall’ottimo http://www.forexbroker-it.com/ abbiamo pensato di ipotizzare quattro domande che vi consigliamo  di farvi prima di sottoscrivere un contratto con il broker.

È sicura e affidabile?

piattaforme per tradingLa primissima cosa che dovreste andare a verificare nella scelta della vostra piattaforma per il trading è relativa alla possibilità di verificare se la stessa – così come gli altri servizi che vi verranno forniti – sia riconducibile o meno a un broker regolamentato, serio e affidabile.

Valutate pertanto se il broker al quale state affidando i vostri soldi sia effettivamente accreditato dalle principali authority internazionali e – una volta fatto ciò – cercate opinioni e commenti online alla ricerca di qualche dettaglio sufficiente per poter cercare di capire se la piattaforma di trading sia affidabile anche da un punto di vista tecnico. Siamo sicuri che nessuno di voi vorrà avere a che fare con un software in grado di bloccarsi sul più bello!

È in italiano?

Non è un requisito obbligatorio, ma la disponibilità di una piattaforma completamente localizzata in lingua italiana manifesta per lo meno l’attenzione che il broker ha dedicato al nostro Paese.

Inoltre, spesso la piattaforma di trading utilizza dei termini particolarmente tecnici che alcuni trader (soprattutto quelli alle prime armi) potrebbero avere difficoltà a comprendere con conseguente pregiudizio nella realizzazione delle proprie intuizioni strategiche. Insomma, conoscere l’inglese non fa certamente male, ma avere a che fare con una piattaforma di trading in italiano è sicuramente meglio!

Che cosa vi consente di fare?

Naturalmente, una piattaforma di trading valida e professionale non potrà che consentirvi l’effettuazione di centinaia di diverse operazioni, incrociando i mercati che va a servire (azioni, obbligazioni, valute, materie prime, ecc.) e gli strumenti finanziari attivabili (opzioni binarie, contratti per differenza, ecc.).

Il nostro suggerimento è intuibilmente quello di verificare se la vostra piattaforma per il trading abbia tra le sue capacità quella di fornirvi gli strumenti / mercati che avete il desiderio di rendere oggetto dei vostri investimenti ma… non solo.

Un domani, infatti, le vostre esigenze finanziarie potrebbero cambiare, e potreste avere il desiderio di compiere nuove esplorazioni con nuovi strumenti in nuovi mercati. Insomma, evitate di ricorrere a piattaforme di investimento contraddistinte da una scelta troppo limitata!

Si può provare?

Una piattaforma di trading si DEVE provare prima dell’accensione del conto di trading reale. Per far ciò, è sufficiente verificare che il broker al quale si sta valutando di conferire fiducia abbia o meno la possibilità di farvi aprire un conto demo.

Si tratta, come più volte abbiamo ricordato, di un conto di trading identico a quello reale, ma contraddistinto dall’importante differenza di assicurarvi un trade con plafond di  denaro virtuale, messo a disposizione dal broker. In questo modo riuscirete ad utilizzare in piena libertà e sicurezza la piattaforma di investimento, senza alcun rischio, e con la piena libertà di sperimentare ogni sua singola funzione.

Si tratta certamente del miglior modo per farsi un’idea approfondita del software che si andrà ad utilizzare con denaro reale, una volta aperto il conto di trading con il vostro nuovo broker!

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *