Investire online nel 2017: lo strumento giusto sono i CFD

Fino a pochi mesi fa erano senza ombra di dubbio le opzioni binarie lo strumento finanziario più utilizzato dai rappresentanti di questa nuova generazione di investitori impegnati nel trading online. Le cose però sembrano essere cambiate e per questo 2017 l’attenzione dei trader in cerca del modo giusto per fare investimenti online si è spostata su qualcos’altro: i CFD, ovvero i Contratti per Differenza.

Gli ultimi dati parlano chiaro: almeno per i prossimi mesi, chi vuole investire con il trading lo farà con i CFD. I trader sono infatti sempre più convinti di avere tra le mani uno strumento perfetto per conciliare un elevato livello di sicurezza per il proprio portafoglio con delle ottime possibilità di veder fruttare i soldi investiti. Ma cosa sono di preciso questi “Contract for Difference”? Cerchiamo di capirlo insieme.

investire online 2017I CFD sono una tipologia di strumenti derivati che mirano a scambiare la differenza di valore tra il momento di apertura e quello di chiusura della posizione di un asset che viene definito “sottostante”. Investimento sui CFD non vi sarà quindi alcun acquisto del sottostante, bensì solamente il diritto di ricevere il risultato economico del suo possesso, ovvero il profitto o la perdita che sono stati realizzati in un determinato periodo di tempo.

A questa particolarità, che già di per sé rende molto accattivante tale tipologia, si deve aggiungere che con i CFD si può investire su una lunghissima serie di asset diversi: azioni, indici, valute, materie prime, obbligazioni e tanti altri strumenti finanziari.

Per tutti questi motivi, investire con i CFD consente di diversificare in misura notevole i propri impieghi, arricchendo le proprie strategie in modo eterogeneo e personalizzabile. Infine, essendo i CFD prodotti di leva, sono essi in grado di garantire al trader investimenti per controvalori molto elevati, pur impegnando un capitale molto contenuto: lo strumento richiederà infatti all’investitore di versare solo una frazione del valore complessivo dell’operazione, aprendo interessanti margini di operatività.

Ovviamente non sono tutte rose e fiori e sottovalutare uno strumento del genere può essere sempre pericoloso, ma non per chi resta con la guardia alzata.

Alla luce di quanto abbiamo appena detto, si possono comprendere molto meglio i motivi per cui in questi ultimi mesi, i Contratti per Differenza hanno “spodestato” le opzioni binarie come strumento preferito dai trader. I prossimi mesi quindi, investire con il trading online significherà soprattutto farlo attraverso i CFD.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *