Come gestire lo stress da trasloco al meglio

Il giorno del trasloco è spesso un momento di grande affaticamento, psichico e fisico, che nessuno vorrebbe dover affrontare. Si tratta addirittura di una delle principali cause di stress avvertita dalle persone che vivono nel mondo occidentale, dopo la separazione dal coniuge e la morte delle persone are.

Ci sono diversi metodi che ci permettono di evitare molto di questo stress, permettendoci di valutare il trasloco per quello che è: un semplice cambio di domicilio.

Vedere in positivo

Le persone sono tutte diverse tra loro; c’è chi tende a vedere il bicchiere mezzo pieno, chi lo vede sempre mezzo vuoto. Il primo atteggiamento è sicuramente il migliore per evitare lo stress da trasloco.

stress da traslocoSe si guarda al trasferimento verso un nuovo domicilio con uno sguardo positivo se ne possono comprendere tutti gli aspetti positivi: si va a vivere in una nuova casa, si potranno avere nuovi vicini simpatici ed accoglienti.

Oltre a questo spesso chi trasloca lo fa verso un’abitazione più grande, o posizionata in un quartiere che offre maggiori opportunità. Non ha senso pensare alle incertezze, si tratta di una parentesi della vita che si chiude, per far posto a mille nuove avventure.

La spesa

Un altro motivo che causa stress durante il trasloco è la spesa: in molte situazioni le cose da spostare sono tantissime, questo costringe ad assoldare un ampio team di traslocatori, magari anche con mezzi particolari per spostare i mobili più ingombranti, o anche con grandi camion.

Per evitare di spendere troppo si possono richiedere, con grande anticipo, preventivi traslochi  diverse aziende, per riuscire a trovare quella che ci propone un’offerta migliore.

Organizzarsi al meglio

Traslocare, anche se non dovrebbe essere un’attività stressante, è pur sempre un’esperienza impegnativa. Se organizziamo tutto al meglio almeno alcune sorprese ce le risparmieremo. Si comincia con il confezionare in anticipo tutto il possibile, per evitare di farlo all’ultimo momento.

Se si necessità dell’aiuto di qualcuno è bene chiederlo anche varie settimane prima, evitando così di trovarsi senza amici e parenti, che potrebbero vere un impegno.

L’organizzazione si può effettuare anche chiedendo qualche consiglio alla ditta di traslochi da contattare: si tratta sicuramente di esperti professionisti, in grado di dirci quale sarà, più o meno, la mole di oggetti che dovremo spostare, cosa potremo fare in anticipo e così via. Se vogliamo fare tutto da soli, potremo anche richiedere semplicemente l’aiuto da parte di facchini professionisti, che pagheremo solo per le ore di effettivo lavoro.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *